fumetto e privacy in 2 punti

fumetti free magazine

La privacy dei fumetti online.

Dobbiamo parlarne: privacy, minori e identità online. Anche se sei un fumettista indipendente, senza la struttura di una casa editrice che negli ultimi anni è attenta alle nuove normative GDPR, sei comunque titolare di una privacy policy all’interno del tuo sito o lasci consensi per accedere a servizi online. In più oggi l’aspetto dei contenuti sensibili e dei minori hanno un peso notevole nel posizionamento dei motori di ricerca.

Partiamo dal presupposto che un fumetto online viene letto/pubblicato in vari contesti:

  • Social media: al cui interno hanno una regolamentazione delle violazioni alle normative, quindi facilmente vieni bannato, cancellato o sospeso se segnalato dagli altri follower o dallo stesso algoritmo.
  • Sito web/blog: in realtà tu puoi scrivere quello che vuoi, dirai…. invece no. Non puoi incitare alla violenza nei tuoi fumetti. Da quando il mondo digitale si è mosso alla difesa dei minori, come la safety search di Google potresti essere escluso come contenuto non appropriato. I tuoi seguaci sono effettivamente i tuoi acquirenti?
  • Gruppi, forum e telegram: qui la censura non è così restrittiva e si dà spazio a argomenti che non tutti condividono. Un esempio semplice: i fumetti porno bannati dai social media ma indicizzati dal web. Se ti interessano leggi quali aspetti sono importanti per chi disegna fumetti di genere.

I 2 ASPETTI DEL FUMETTO E DELLA PRIVACY ONLINE

  • Login con account social
  • Consenso privacy policy

I fumetti che facilmente condividi possono essere salvati in un qualsiasi dispositivo e utilizzati in pubblicità per vendere prodotti per cui, come artista, non verrai mai retribuito. Altre come forme di contatto a servizi erotici tra gruppi, form e chat private, purtroppo neanche queste monetizzatili. Ti sembra un buon motivo per essere attenti alla privacy dei propri lavori?

Innanzitutto ti invito alla lettura dell’ultimo articolo: Quando un fumetto è davvero online e quali requisiti dovrebbe rispettare per una “trasperente” pubblicazione.


TROVI INTERESSANTE RICEVERE CONTENUTI DI WEB MARKETING APPLICATE AL FUMETTO ONLINE?

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Dopo di ché, con la consapevolezza che il fumettista è il brand di se stesso, prendiamo in prestito due suggerimenti del web marketing applicato al nostro settore. Come la Nutella o Chanel e la loro comunicazione online, possiamo venderci come un prodotto da scaffale, influenzare la scelta, recensiti e seguiti dai social media fino al carrello.

1 – Login con account social

Questa di seguito è la pratica più diffusa, più comoda, più intuitiva soprattutto dagli smartphone: per scaricare app, accedere a nuove piattaforme o contenuti esclusivi diamo in cambio con un login tutte le informazioni che abbiamo già concesso al social. Quell’insieme di informazioni passano da uno all’altro senza alcuna attenzione da parte nostra e rispetto da parte loro. Se si tratta di app, avete appena gettato i vostri dati personali e immagini da un aeroplano come migliaia di volantini che spesso ritornano con abbonamenti a pagamento.

Quindi la soluzione è: impostare la privacy su ogni profilo social media e monitorare le attività di frequente. Vuoi un esempio: i servizi di follower a pagamento per realizzare a tempi record gli account fake accedono a questi dati.

2 – Consenso privacy policy

Cosa c’entra la privacy policy quando io disegno fumetti? Ebbene non si tratta solo di quella che dovrai aggiornare sul tuo sito, ma quando ti ritrovi a inviare del materiale alle case editrici e di norma inviano sempre un modulo di consenso privacy in PDF o un link. Prima di firmare pur entusiasta della pubblicazione valuta una lettura attenta:

  • La normativa GDPR indica che la privacy policy deve essere liberamente consultabile, accessibile e specifica per la richiesta in corso, se accedi ad un servizio non ti devi trovare iscritto alla mailing list di terzi senza il tuo consenso.
  • Il valore di default del consenso deve essere sul NO, non sei obbligato a lasciarlo per proseguire. Per esempio quando utilizzi le piattaforme di Print on demand per le stampe.
  • Leggi direttamente dal Garante privacy cosa è previsto, può esserti utile per navigare in modo sicuro.

Grazie anche alle vignette di Wronghands è possibile osservare il cambiamento nel tempo di questo approccio alla privacy. Prima si discuteva sul si e no del consenso, oggi su scrivere contenuti non discriminanti, senza stereotipi e classisti come una vecchi vignetta di SIO attaccata con polemiche sui social.

Se avete suggerimenti, restano aperti i commenti. Nel frattempo scoprite chi è il vignettista dei cambiamenti sociali: Wronghands.

fumetti online
IN EVIDENZA: WRONGHANDS