Autore: ZavalaCM

Collaborare per noi significa condividere l’evoluzione di un progetto, credere nella sua crescita e puntare sulla sua diffusione on line, rendendo accessibile i fumetti ai nuovi dispositivi tecnologici che rispondono alle nuove esigenze di chi progetta e di chi legge fumetti online . Pubblicare on line ti permetterà di essere riconosciuto, con il tuo tratto, a un pubblico nazionale e internazionale sempre attento alle nuove forme di espressione artistica. In questo modo saresti ospite della nostra rivista eMagazine a cui poter indirizzare i vostri amici e parenti, ma soprattutto i numerosi editori sempre a caccia di nuovi e coraggiosi talenti che vogliono raccontare attraverso le linee, i colori e le forme del loro stile il proprio mondo visionario. Sarai coinvolto in condivisioni e inviti a gruppi e community dedicati al fumetto on line. E perché no, anche in un’app! Come si collabora a Zavala Comic Magazine? Per collaborare con noi è molto semplice. Basta inviare a zavalacomicmagazine@gmail.com il materiale grafico di buona risoluzione corredato da una dichiarazione in cui acconsenti all’ utilizzo del tuo lavoro solo ai fini di una pubblicazione on line. In seguito il nostro instancabile staff si occuperà di inserire il tuo materiale direttamente su Zavala Comic Magazine e relativi canali social, distribuita gratuitamente e consultabile solo on line. Approfondisci la nostra Privacy e termini di condivisione.
Read More
fumetti animal

Monsieur Bau Bau era solo l’inizio del fumetto animal

Tutto ha inizio a Parigi 1864. Il fumetto animal nasce da una moda nel racconto illustrato prende il sopravvento: storie ordinarie umanità in sembianze animali. Animali vestiti, in piedi e impegnati in attività quotidiane. Questa tendenza deriva dal greco Zoomorfizzare da scoprire nel nostro glossario dedicato al fumetto fino ad oggi chiamata Funny animals passando per Uncally animal.

Il primo fumettista antromorfizzato fu James Swinnerton che pubblicò Little Bear Tykes la storia di un piccolo orso. La curiosità é che la striscia accompagnava le previsioni del tempo di un quotidiano quando si parlò nelle cronache californiane di un piccolo grizzly. Solo successivamente divenne a New York un fumetto autonomo con Mr. Jack.

Read More
fumetti cinema

A tu per tu con Marco Triolo: fumetti, cinema e western a Verona!

L’intervista a Marco Triolo: tra fumetti e cinema e…

Tra fumetti e cinema raccontati da uno degli autori si spiegano le motivazioni e l’esigenze creative di un collettivo veronese. In questo periodo di feste ai banchetti di Piazza dei Signori si torna indietro nel tempo nelle nostre infanzie e nei miti che ci hanno accompagnato!

Si dice che per il 90% siamo fatti dei film che abbiamo visto e che ci hanno attraversato, data la tua preparazione cinematografica, questo fattore quanto ha influito nelle tue tavole?

Senz’altro, anche se più inconsciamente che consciamente. L’idea che il disegnatore di fumetti sia il regista di una storia é una cosa che ho interiorizzato con gli anni. Siccome spesso le storie me le scrivo, oltre che disegnarle, mi rendo conto che ci ragiono in termini cinematografici. Invece di pensare “campo medio della città ”penso” panoramica a volo d’uccello sulla città”.

Intendiamoci i fumetti e cinema sono due media molto vicini, entrambi raccontano per immagini, ma c’è una differenza curiosa nella percezione comune: nel cinema, é il regista a essere considerato il vero autore di un film, nel fumetto é lo sceneggiatore. Paragonare i due aiuta anche a capire quanto sia fondamentale l’aspetto grafico di un fumetto: se é scritto da Dio e disegnato male, non mi viene comunque voglia di leggerlo!

Leggi cosa ne pensiamo in un articolo dedicato alla Cyrano Comics come nuova realtà editoriale!

Da quali suggestioni ti sei lasciato ispirare per il fumetto Emilio Salgari e l’acqua portentosa?

La storia di Emilio Salgari e l’acqua portentosa nasce in realtà da un fatto realmente accaduto. Buffalo Bill aveva un circo itinerante con cui portava in giro per il mondo un pezzo di vecchio West. Nell’aprile 1890, Bill venne a Verona per due spettacoli in Arena. Fu lì che conobbe Salgari, che era un cronista del giornale locale. Quando ho letto di questa cosa, sono impazzito: l’idea che il West e un personaggio così iconico avessero invaso la mia piccola città “provincialotta” mi sembrava materiale perfetto per un fumetto.

Read More
fumetti verona

Tutta colpa dei fumetti di Cyrano Comics…

Una realtà veronese che mi ha coinvolto e convinto con i suoi fumetti.

Finché non tanto lontano da te e per altre strade di Verona conosci Cyrano Comics. Non é una casa editrice ma un gruppo di fumettisti auto prodotti. Ognuno con il suo percorso, il suo tratto e la sua destinazione.

La Cyrano Comics é un’associazione culturale che parla discute e disegna. Il suo tema principale é il fumetto. Un editore veronese che ha buon naso per i Fumetti dal 2008 pubblica autori, sceneggiatori e illustratori indipendenti.

Regalate un fumetto! Una valida alternativa a YOUTube o all’ultimo gioco Nintendo.

Read More

UN FUMETTISTA É VERAMENTE ONLINE?

In questi giorni ho pensato bene come un fumettista online può presentarsi. Se ben curata una pagina Facebook risulta efficace con elevata reattività ai commenti, alle richieste di contatto e dalle copertine sempre aggiornate.

Lo so é un vero lavoro!

Infondo vendi te stesso e la tua professionalità. Al di là del tuo talento il recruiter valuta l’organizzazione, comunicazione e costanza nei social. Lo stesso vale per gli altri profili, ti consiglio di non eccedere e scegliere quello che fa di più al tuo caso. Chiediti che tipo di portfolio vorresti e evita i post in automatico da un social all’altro. Questi ultimi sono terribili da vedere![amazon_link asins=’8898002904,8820367645′ template=’ProductGrid’ store=’mywebsit066c6-21′ marketplace=’IT’ link_id=’630ac0eb-e693-11e8-b1f2-79bdc34a10a2′]

Read More
font ad alta leggibilità

Fumetti ad alta leggibilità.

Vi racconto la storia della dislessia, del fumetto e dei font facilitanti.

Una 

bambina scopre i fumetti attraverso le letture del fratello maggiore. Non riusciva da sola a distinguere le lettere nei ballon. Oggi quella bambina disegna fumetti. É frequente nei dislessici una coordinazione, un’empatia e uno spirito artistico al di sopra della media.

In occasione della Settimana della Dislessia ho pensato cosa potesse rendere i fumetti ad alta leggibilità. Il fumetto riesce a incanalare la creatività che sviluppa un bambino DSA nel percorso di apprendimento. I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si evidenziano con l’inizio della scuola. Stranamente vengono sottovalutati e confusi con altro, ma a oggi si conta almeno un bambino per classe che vive questa difficoltà pur lieve.

[amazon_link asins=’8893670100,8865208554′ template=’ProductGrid’ store=’mywebsit066c6-21′ marketplace=’IT’ link_id=’98940aac-e693-11e8-85bd-1727863dfd29′]