Come non avere un’identità on line leggendo Cavez!

No votes yet.
Please wait...

Lo considero il miglior vignettista italiano. Ricordo ancora quando avevo 16 anni e il sabato compravo il COMIX in formato quotidiano in edicola e … c’era lui! Oggi si parla tanto di Web Monitoring e E-Reputation per creare una identità affidabile e professionale, ma lui alla mia generazione e in poche battute ha insegnato cosa non è identità raccolte qui per voi…

fumetti gratis on line

Per questo abbiamo dedicato dei servizi al “FUMETTO on line”. Lo chiamiamo COMICS CARE! Collaboratori competenti per strutturare il sito secondo il dio SEO e creare un’ identità Social. Dai piccoli dettagli potrai ottenere un profilo efficace e credibile. L’arte è una professione non è da mettere a parte!fumetti gratis on line

  1. Account privato o pubblico. Lo dicevo anche mia madre che il lavoro non bussa alla porta bisogna cercarselo! Affidiamo al web la nostra ricerca di dati e informazioni e i social network hanno facilitato il compito: da LinkedIN a Facebook e instagram. Nei profili privati siamo liberi di fare quello che vogliamo,  dedichiamo il tempo ad una pagina sulle nostre passioni, ai gruppi e agli eventi da seguire.
  2. USERNAME o nickname. Pseudonimi, alias o nomi d’arte devono essere coerenti alla nostra professionalità come autori. Dobbiamo sempre pensare di suscitare interesse da parte di potenziali datori di lavoro e per questo devono essere chiare. Non siamo più negli anni ’90 in chat e forum, oggi la realtà sociale e digitale si fondono insieme.
  3. Fornire una mail coerente. E’ importante essere tempestivi nel rispondere a eventuali richieste o contatti. Lasciate un’email che leggete e destinatela all’ uso professionale, evitate che i puccipucci@ finiscano a un editore.

fumetti gratis on line

4. La scelta della foto. Da non sottovalutare è sicuramente la scelta della foto: da un autoritratto a foto.  Non date per scontato che debba esserci, deve rispecchiare il vostro profilo e non confondere le idee su di voi. Apprezzo molto quelle creative in cui ci si mette in gioco disegnandosi i baffi su un dito o giocando con i filtri, denota capacità di creativià di mettersi in gioco. Non sono del tutto contraria ai selfie ma certo lasciamo il canotto, il salvagente al mare e le tartarughe libere sulle spiagge. Scegliere una foto inappropriata può andare a discapito anche del CV più esaustivo e accattivante.

fumetti gratis on line

Dedica il tuo tempo a disegnare, COMICS CARE si occuperà della tua identità on line: profili, pagine e contenuti. Scopri ☛ Do you SEO or Social?fumetti gratis on line

fumetti gratis on line

5. SKILLS. Molti le sottovalutano ma la parte fondamentale sono le competenze. Sapete come i recrutatori cercano le risorse? Con una ricerca guidata da filtri avanzati su misura proposti in un servizio come in IN.

fumetti gratis on line

6. Diamoci un senso. Focalizziamoci su chi siamo senza crisi esistenziali: il mio percorso, motivazioni e obiettivi ma la vera abilità è riuscire a dare un senso al nostro percorso lavorativo nel temutissimo SOMMARIO di LinkedIN. Sappiamo bene che nella nostra vita abbiamo sperimentato diversi lavori: selezioniamo le esperienze che danno l’idea che sapevamo dove voler arrivare.

fumetti gratis on line

7. Aggiornamenti. Dimostrano la vostra capacità di rigenerarvi anche cambiando percorso. Inserire una formazione di mesi dopo un licenziamento è indicativo di un carattere risolutivo. Frequentare nonostante l’età uno stage è la dimostrazione di saper ricominciare in contesti competitivi e fregarsene della GAP Generation. Allargate la  rete di conoscenze, adesioni a gruppi tematici, create o partecipate a eventi, utilizzate parole chiavi, pubblicate-consigliate-condividete post. Non dimenticate di aggiungere un messaggio quando chiedete amicizia o collegamento.

fumetti gratis on line

8. Cose da non fare. Cerchiamo di non pubblicare ogni modifica: in LinkedIN per esempio c’è un flag in merito. Apparireste superficiali e indecisi. Inoltre concentrate le competenze tra 10 e 15: qualcuna precisa altre diversificate. Quest’ultime per un recruiter sono le più interessanti. Se gestite una pagina Facebook preferite il @ (menzione) che #. Al contrario instagram adora gli # ebbene non esagerate e rimanete coerenti alle vostre storie disegnate. Anche qui non più di 15.

9. Influenza. La considerazione delle persone tende alla constatazione nel web. Ma come si misura l’influenza nel web? Come riescono alcuni personaggi dalla professionalità e vita indubbia a diventare influencer? Chi lavora nella comunicazione conosce bene i sistemi di rating  e i social reputation. Chi non APP come TripAdvisor o ha già commentato la sua vacanza in piattaforme di affitto. Suggerite altri sistemi recenti validi che conoscete?

cavez

In fondo se abbiamo più influenza cambia la reputazione che hanno su di noi: Brand reputation = Brand siamo noi! Sarebbe curioso sapere se metterci in primo piano on line è il tentativo di colmare una bassa autostima o una piena di consapevolezza di sé. Avrei dovuto chiedere a Kohunt, se ricordo bene, ai tempi dei miei studi sociologici!


FONTE IMMAGINE:  Massimo Cavezzali alias CAVEZ, non ho riferimento di un sito ufficiale, pertanto vi lascio il suo profilo social Facebook...ma sarà lui?